Juxtapoz Magazine – Todd James non è mai stato il “Little Goody Two Shoes”

[ad_1]

Tod James ha una versatilità che sfida una categoria, eppure la coerenza dell’estetica è un legame che lega insieme la sua carriera. Dalle radici dei graffiti al design dei personaggi e ora la sua arte in evoluzione e rotazione che sembra riversarsi attraverso stili diversi da una mostra all’altra, è piuttosto significativa per il modo in cui guardiamo alle possibilità di una carriera post-graffiti. James è stato in grado di scavare in profondità nella satira di guerra, pirati somali, nature morte densamente piatte, ritratti di donne con gatti, e poi tornare indietro nei graffiti della fine degli anni ’80 in uno spettacolo, un pezzo, o talvolta saltato tutti insieme per uno spettacolo o due . È coerente e affascinante vedere il suo volume e il controllo del suo stile.

Little Goody Two Shoesla sua nuova mostra personale presso OTI a Parigi, è singolare e un salto nel mondo di James; un po’ di ogni epoca tutti riuniti. Come osserva la galleria, “Cinque delle opere acriliche a tema bellico di James debuttano con uno stile emergente, interpretazioni di disegni a pennarello profondamente saturi in libri neri, ombreggiati e punteggiati, portando un’elettricità tridimensionale a figure bidimensionali fino ad ora”. Questa è la chiave; James ha un po’ di eredità tra cui scegliere, eppure porta qualcosa di originale ogni volta che mette su uno spettacolo. È straordinariamente fresco. È al top del suo gioco e non si stanca mai. —Eva Pricco



[ad_2]

Source link